Come riconoscere un sito web fasullo

Come riconoscere un sito web fasullo

Acquistare online significa molto spesso trovare prezzi più bassi di quelli presenti in un negozio fisico. Il commercio elettronico sta crescendo a doppia cifra anno dopo anno e sempre più persone acquistano online soprattutto vestiti, scarpe e materiale elettronico. Purtroppo, in questo caso aumentano anche le truffe, spesso sotto forma di siti web che propongono merce a prezzi scontatissimi ma che, nonostante le apparenze, sono inaffidabili e illegittimi. Lo stesso Google si sta impegnando nell'individuazione e nella penalizzazione di questi siti: ciononostante, molte sono ancora le persone che ci cascano. 

Riconoscere un sito falso: come fare

1) Controlla il sito web con URLVoid

Prima di comprare qualcosa sul web, ti consiglio di controllare sempre l'affidabilità del sito con lo strumento URLVoid, un servizio gratuito che analizza un sito web confrontando diverse black list e strumenti di reputazione online per facilitare l'individuazione di siti web fraudolenti e malevoli. Questo servizio aiuta a identificare i siti web coinvolti in episodi di malware, in attività fraudolente e phishing.

2) I prezzi (troppo) bassi non sono sempre affidabili

prezzi troppo bassi

Conosci il detto "è troppo bello per essere vero"? Ecco, quando trovi dei prezzi troppo bassi, con sconti del 50-60% o anche più, è probabile che tu ti trovi di fronte ad un'attività sospetta. Il truffatore potrebbe promuovere la vendita di prodotti a prezzi stracciati per guadagnare rapidamente, prima che il suo sito venga individuato come fraudolento da software e servizi di sicurezza.

3) Controlla il testo piè di pagina e cerca il nome della società

Nel piè di pagina (footer) di un sito web dovrebbero trovarsi per la legge europea il nome e la partita IVA della società che ne detiene il possesso. Quindi ricordati di controllare sempre il nome della società e accertati che sia un nome reale e attendibile. Se non ci sono riferimenti alla società (ragione sociale, partita IVA, contatti ecc) allora molto probabilmente sei di fronte ad un sito fasullo.

4) Cerca da quanto tempo è in attività

Sempre nel footer, dovrebbe essere presente il testo relativo al copyright. Supponiamo il caso di un sito che riporta questa scritta: "Copyright 2010-2016". Una facile ricerca su Whois Domaintools ci permette di conoscere la data esatta dell'acquisto del dominio. E se il dominio risale ad una data successiva al 2010, allora anche qui sei di fronte con ogni probabilità ad un sito fraudolento. Perché scrivere che il sito è nato nel 2010, se il dominio è stato acquistato nel 2013? Semplice: per mostrare una cosa non vera, come ad esempio l'anzianità dell'azienda.

site medeawebagency google

Un altro metodo per scoprire da quanto tempo il sito è in attività è utilizzando Google. Dopo aver condotto la ricerca utilizzando "site: " come illustrato sopra, clicca su "Strumenti di ricerca", seguito da "Qualsiasi data" e seleziona "Intervallo di date" nella parte inferiore. Per scoprire se il sito è stato online per più di un anno, è sufficiente tornare indietro di un anno di tempo (ad esempio, se siamo nel 2016, è possibile utilizzare l'intervallo di date 1/1/2015-31/12/2015 per coprire tutto l'anno precedente). Se il sito esisteva nel 2015, verranno visualizzati i risultati della ricerca. In caso contrario, la pagina sarà vuota. Continua ad andare indietro nel tempo per scoprire da quanti anni il sito è online. 

waybackmachine

Un terzo metodo per scoprire non solo da quanti anni un sito web è online, ma anche vederne l'aspetto nel corso degli anni è quello di utilizzare archive.org, la famosa macchina del tempo del web. Usa con cautela con questo metodo però, perché a volte i nomi di dominio sono soggetti a cambiamenti nel corso del tempo. In altre parole, un sito web che era legittimo in passato potrebbe non esserlo più oggi.

5) Controlla chi è il proprietario del sito

Sempre grazie al Whois Domaintools possiamo venire a conoscenza del proprietario del sito web: chi ha registrato quel dominio e da dove. Personalmente, non comprerei mai un paio di jeans Levi's da un sito web che è stato registrato in Cina o in Taiwan, ma preferirei acquistarli dal negozio ufficiale o da altri negozi vicini al luogo in cui vivo, in modo da poter più facilmente fare una telefonata al proprietario o visitare il loro negozio di persona in caso di problemi.

6) Assicurati che il sito abbia il supporto HTTPS

ssl in browser

Quando provi ad acquistare un oggetto e ti trovi nella pagina del carrello, controlla sempre la barra degli indirizzi in alto. Il tuo browser ti segnalerà immediatamente se il sito è dotato di una transazione sicura https. Ogni legittimo sito di e-commerce dovrebbe avere il supporto HTTPS poiché si suppone che l'utente inserisca informazioni sensibili o i dati della sua carta di credito. Io non comprerei mai qualcosa da un sito web che non ha il supporto HTTPS.

7) Visita la pagina dei contatti per trovare informazioni valide

Ogni sito dovrebbe avere una pagina dei contatti. L'utente deve in ogni momento poter contattare il proprietario del negozio o lo staff tecnico che si occupa della sua gestione. Dovrebbero essere presenti informazioni su come contattare il negozio, come ad esempio un numero di telefono, un indirizzo email o l'indirizzo della società. Comprare qualcosa da un sito web che dispone unicamente di uno scarno modulo di contatto è rischioso: meglio avere un numero di telefono, un indirizzo email valido o l'indirizzo della società per verificare. Considera che la maggior parte dei siti truffa usano indirizzi email pubblici, come @gmail.com, @yahoo.com, @hotmail.com ecc. Un sito web legittimo di solito utilizza l'indirizzo email del sito, ad esempio .

8) Analizza la stringa del nome di dominio

Se vedi un sito web che ha il nome di dominio simile a: scarpe-scontatissime.com, o buy-cheap-shoes.com, o buycheapshoes.com, o super-cheap-shoes.com o simili, dovresti scappare a gambe levate. Un sito web legittimo non deve contenere la parola "a buon mercato", "economico", "all'ingrosso" ecc.

9) Verifica che non ci siano errori ortografici

Anche un sito web legittimo potrebbe contenere errori di grammatica, è vero. Ma alcuni siti di shopping falsi possono contenerne una serie interminabile, se non altro perché molto spesso utilizzano traduttori automatici per le descrizioni dei prodotti e le pagine istituzionali, quindi assicurati di leggere qualche pagina e controlla la grammatica della lingua. Troppi errori sono spesso indice di scarsa affidabilità del sito.

10) Google è tuo amico: cerca informazioni su un sito web

È possibile cercare su Google ulteriori informazioni su un sito web sospetto, come ad esempio il numero di telefono, l'indirizzo email, il nome del proprietario del sito web, il nome della società, o semplicemente cercare se altri utenti hanno avuto una brutta esperienza con quel sito. È inoltre possibile ricercare gli indirizzi IP su Google, per vedere se ci sono altre informazioni utili su quel indirizzo IP.

Ti sei mai imbattuto in un sito web falso? Racconta la tua esperienza nei commenti qui in basso :)

Vota:
8
 
6 strategie di base che ogni PMI può utilizzare
Perché i video sono il futuro del Content Marketin...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli