Costruire un Business Plan per il tuo e-commerce

Business Plan Ecommerce

In un mercato sempre più competitivo, distinguersi è diventato fondamentale.

Le nuove tecnologie permettono di proporre i tuoi prodotti/servizi sul web in modo facile, economico e sicuro.

Ma per far si che il tuo e-commerce diventi a tutti gli effetti "impresa", allora devi adottare le giuste strategie. Un Business Plan ti permette di avere sotto controllo la situazione, monitorare l'andamento dei tuoi affari ed apportare i giusti correttivi in breve tempo.

Ma quali sono gli elementi per creare un buon Business Plan per un e-commerce?

Business Plan ecommerce - Perché ne hai bisogno?

Anche se non hai bisogno di ottenere finanziamenti per la tua attività o non sei obbligato a presentare un business plan, ci sono alcuni motivi validi per cui dovresti comunque crearne uno.

Business Plan - Startup

startup business

Per esempio: sei agli inizi. Vuoi creare un'attività e-commerce, ma sei nella fase di startup.

Devi analizzare il mercato, per capire se il tuo prodotto ha possibilità di successo. Devi analizzare i competitor. Devi pianificare una strategia per proporti sul mercato e aver chiaro un prospetto dei costi, degli investimenti e degli eventuali guadagni.

Oppure.

Hai creato un ecommerce e  hai iniziato a fare alcune vendite. La creazione di un business plan, in questa fase, potrebbe aiutarti a vedere il quadro più ampio e a tracciare un percorso strategico per la crescita futura della tua attività.

Oppure: hai qualche anno di gestione del business alle spalle, ma stai iniziando a sentirti bloccato e le cose stanno cominciando a stabilizzarsi. La creazione di un business plan, in questa fase, potrebbe aiutarti a pensare al di fuori della routine e al funzionamento quotidiano del tuo business, per scoprire nuovi modi di approcciare il mercato o a nuovi prodotti che potresti vendere per aumentare le entrate.

Se invece la tua attività è in trend verso il basso, la creazione di un business plan per l'ecommerce in questo scenario potrebbe potenzialmente aiutarti sia a cambiare il modo di fare business nel suo complesso sia a tagliare le perdite prima di essere nei guai.

Il punto è: se non hai scritto un business plan per il tuo ecommerce, dovresti seriamente pensare di farlo, non importa a quale punto ti trovi nel ciclo di vita della tua azienda.

Business Plan: cos'è?

e commerce business plan

Vuoi sapere la buona notizia?

Fare un business plan per un ecommerce non è così difficile. 

In breve:

Il business plan è un documento che, nel momento in cui viene realizzato, corrisponde sia ad una fotografia della tua attività in quel momento, sia ad una proiezione degli sviluppi futuri.

Cominciamo col dire che la difficoltà maggiore sta nel rendere logico l'ordine delle molte idee che abbiamo in mente.

Iniziamo quindi col definire i temi principali, entrando poi nel dettaglio.

Creare un Business Plan

Sintesi

Un business plan inizia con 2 o 3 pagine in cui viene fatto un riassunto del business: gli obiettivi, le ipotesi, l'approccio al mercato, i fattori di successo, costi da sostenere e ricavi attesi.

Descrizione Azienda

Fai una panoramica della tua azienda, stabilisci una linea di business, delinea i collaboratori, le attività esterne e quelle interne, le responsabilità. E soprattutto assicurati di avere tutti i requisiti legali per l'avvio dell'attività. 

Prodotti

Descrivi i prodotti/servizi che stai offrendo, stabilisci i meccanismi di erogazione, i servizi al cliente (come la garanzia o il reso) etc. Non fermarti al presente: includi anche i prodotti che pensi di vendere in futuro. Mantieni sempre un occhio alle keywords, ossia a quelle parole chiave che caratterizzano il tuo business.

Mercato

L'attività deve essere focalizzata. Informati sul tuo settore PRIMA di avviare la tua attività. L'analisi del mercato è necessaria per capire se il tuo e-commerce ha possibilità di successo (a tal proposito, dai sempre un'occhiata a Google Trends) e agli studi di settore.

Concorrenti

Tieni sempre sotto osservazione i tuoi concorrenti, studia le loro mosse e impara da loro. Un buon feedback può arrivarti dalle impressioni suscitate dal tuo business plan: dopo averlo finito, fallo leggere ad un'altra persona e chiedigli le sue impressioni.

Piano del marketing e delle vendite

L'attività è stata creata per rispondere a un problema o ad un'esigenza, fornire un'opportunità e, naturalmente, fare soldi.

Definisci i modi e gli strumenti con cui vuoi commercializzare i tuoi prodotti. Ottimizza il sito per i motori di ricerca (SEO), considera i blog e i social networks, insomma studia i canali attraverso cui "annuncerai" la tua presenza. Il consiglio è sempre quello di affidarsi ai professionisti!

Rischi

Preparati a rispondere agli intoppi che troverai. Il sito è offline? I clienti non riescono a trovarti? Hanno difficoltà di navigazione? Condizioni, prezzi, spedizioni e tempi non sono chiari? C'è un problema con il pagamento? Riconosci i rischi e preparati ad agire quando si presenteranno.

Piano Operativo/Finanziario

Può essere un'operazione lunga e noiosa, ma è di vitale importanza. Traccia un piano dei costi sostenuti, anche per la manutenzione. per ciò che riguarda l'operatività, stabilisci le responsabilità delle varie figure e le loro aree di competenza. Se hai dei collaboratori, assicurati che il sito permetta la tracciabilità delle loro azioni attraverso i propri account. Datti poi un tempo per l'avvio, dopo il quale potrai raccogliere i primi dati.

Exit Strategy

E' un passo fondamentale. Pianifica le tue mosse con largo anticipo. La tua attività potrebbe diventare un impegno full-time, oppure potrebbe essere ceduta. O ancora, potresti avere bisogno di un partner che ti affianchi con un ruolo operativo o sia semplicemente un fornitore di capitali.

Nell'e-commerce, i parametri da prendere in considerazione per l'analisi della tua attività e del successo ottenuto, sono:

  1. Traffico
    Parliamo di traffico naturale, ma anche di quello indotto. Se adotti delle campagne pubblicitarie, assicurati che siano mirate e che sia possibile valutare "quando costa" una singola visita sul sito. Eviterai sprechi di denaro.
  2. Tasso di conversione
    Significa: quanti sono i visitatori del sito che, effettivamente, compiono un'azione sullo stesso (come acquistare, recensire un prodotto, inviare una richiesta etc)?
  3. Acquisto medio
    E' il valore che si ottiene facendo la media del costo dei prodotti venduti e acquistati da un utente. 
Un buon Business Plan per un e-commerce è sicuramente la base da cui partire. Una scelta di cui non ti pentirai mai. Le indicazioni presenti in questo articolo non vogliono essere "esaustive" al 100% ma solo delle utili indicazioni da cui poter iniziare per sviluppare un'attività di successo.
Vota:
8
 
Estensioni Joomla: cosa sono e come scegliere le m...
L'importanza dell'aggiornamento

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli